Foto: Facebook
Foto: Facebook
"Ballare ballare": intervista a Stefano Fucili
Il nuovo singolo, la versione per il mercato spagnolo a breve e tanti progetti per il futuro, senza dimenticare il percorso fatto fin qui, costellato di successi e presenze importanti
Gianni Bellu | 31 July 2019

Leggendo la sua biografia, salta subito all’occhio la collaborazione con Lucio Dalla. Cosa si prova a lavorare al fianco di uno dei maggior esponenti della musica italiana? Cosa le ha trasmesso a livello umano e musicale?
Hai detto bene, uno dei maggiori esponenti della musica italiana, uno dei più grandi.  Aver avuto l’oppornitá di conoscere Lucio e, in qualche modo, di collaborare con lui è stata un'esperienza unica . La cosa bella di Lucio era che trattava al suo pari e rispettava  tutti gli artisti anche i giovani che, come me, gli portavano le loro prime canzoni; non faceva pesare la sua grandezza, era curioso e sapeva insegnare, ma riusciva, nello stesso tempo, a “ imparare” sempre qualcosa da te.
Lucio fu il mio primo discografico e produsse i miei primi singoli ed EP (Chiara, Bonsai); nel 2002  scrivemmo insieme il brano Anni Luce, che cantò nel suo album Luna Matana. 
 
Nel 2002 ha composto la musica di “Ninna nanna mamma”,  colonna sonora di un programma di Rai 1 e delle notti di intere generazioni. C’è un significato particolare dietro quella melodia? A cosa o a chi si è ispirato?
La melodia di Ninna Mamma (di cui io ho composto la musica, mentre il testo è di Depsa) è stata ripresa da un altro mio brano scritto in precedenza che si chiama Lullaby, che prende ispirazione da ballate tipiche della musica celtica e popolare irlandese. La prima versione aveva un testo, scritto da me, che era si una ninna nanna, ma dedicata a una donna e non a un bambino.  
 
Il suo ultimo singolo “ Ballare, ballare” trasmette, già dal titolo, la sua voglia di evadere dalla monotona quotidianità. Cosa ha ispirato questo pezzo? Cosa ha provato nel comporlo?
Il pezzo l'ho scritto una mattina alle 5, pensando agli stress della vita quotidiana e alla voglia di fuggire, di vivere uno di quei colpi di fulmine che a volte la vita ci regala, quando ti pervade la voglia di vivere, di ballare, di amare. È il primo singolo di un nuovo progetto discografico che ho iniziato a scrivere lo scorso settembre ispirato dalla nuova ondata pop e da sonorità electro e dance pop. Tra i nuovi brani, Ballare Ballare è sicuramente quello che meglio si adatta al periodo estivo. Appena ho terminato di scrivere di getto il testo, con già un’idea precisa della melodia, ho avuto la sensazione che la canzone potesse avere una magia particolare e i primi riscontri dalle radio e dalle licenze dal brano in diversi paesi esteri (Russia, Brasile, Scandinavia, Corea) sono positivi, grazie al prezioso lavoro dell’etichetta RNC Music e del mio manager Giordano Donati.
 
Il suo repertorio comprende diversi generi musicali, fra i quali la musica per bambini. Qual è il genere con il  quale si identifica maggiormente?
Sono una persona curiosa, mi piace ascoltare e muovermi in diversi generi musicali. Sicuramente il filo conduttore è la forma della canzone, un testo e una melodia (o un rap, perchè no). Poi il mood musicale, l’arrangiamento , la sonorità sono il vestito da far indossare alla donna che è la canzone. Chiaramente se la  “donna” è bella qualsiasi vestito le starà bene. Amo scrivere per i più piccini e, grazie alla bella collaborazione con il canale You Tube Coccole Sonore, ho avuto la fortuna di realizzare il mio sogno di diventare Bert di Mary Poppins, ossia di essere il cantastorie di Coccole che entra nei loro cartoni. Con il loro staff abbiamo realizzato anche il videoclip di Ballare Ballare, che vede come protagonista un curioso burattino scheletro che grazie alla musica e al contatto umano comincia a ballare e a vivere coinvolgendo vari personaggi.    
 
Quali sono i suoi progetti per il futuro?
Durante l’estate, sarò impegnato nelle promozione di "Ballare Ballare" e nella realizzazione della versione in spagnolo che sarà destinata al mercato latino in autunno. Inoltre sarò impegnato in diversi concerti in giro per l’Italia con il mio progetto dedicato a Lucio Dalla con la band Piazza Grande. In autunno è prevista, inoltre, l’uscita di un nuovo singolo e un mini tour nei club per presentare  i brani che comporranno il nuovo album in lavorazione. 

Commenti
SEGUICI CON
pagina Facebook pagina Twitter