Quarantena tra le pagine
I miei consigli di lettura per passare al meglio il tempo in casa
Matildam Quondam Luigi | 14 May 2020

Quarantena. Tutto ci saremmo aspettati fuorché ci obbligassero a restare nelle nostre dimore per mesi. Alla ricerca disperata di passatempi, ho combattuto la noia con la lettura: vivere per qualche giorno le vite di altri mi ha aiutato a liberare l’immaginazione e sentirmi un pò mesi chiusa tra le quattro mura!

Lacrime di sale

È la storia di Pietro Bartolo scritta in collaborazione con Lidia Tilotta, conduttrice della trasmissione “Mediterraneo” di Rai 3 e giornalista della testata regionale Rai. Pietro è un medico che si occupa di accogliere i migranti a Lampedusa. La sua vita di ragazzo timido, figlio di pescatori, impegnato a cambiare il proprio destino, si intreccia con quelle disperate e struggenti dei tanti migranti che ha incontrato. L’impegno che ha preso come obiettivo della sua vita è stato quello di accogliere, curare e ascoltare le tante storie che questi uomini, donne e ragazzi hanno da raccontare. Ha deciso di vivere in prima persona quella che è stata definita la più grande emergenza umanitaria del nostro tempo. Un libro da leggere oltre le righe, un grande esempio di coraggio e impegno civile, una fonte scritta da utilizzare come arma nei confronti di chi non vuol vedere la realtà. Potente, sincero e davvero emozionante.

 Ora dimmi di te. Lettera a Matilda

 Il libro di Andrea Camilleri mi è stato regalato da mia nonna per la coincidenza di nome e di consigli da voler trasmettere. Una testimonianza della vita appassionante e vissuta senza risparmio di un uomo che vuole che la sua vita venga ascoltata e raccontata da sua nipote, a cui è dedicato. Si ripercorre una vita intera, soffermandosi su tutti gli elementi che rendono l’esistenza degna di essere vissuta: l’amore, gli amici, la politica, la letteratura. La vita di un uomo innamorato dei suoi personaggi, che riesce a rendere unici nel modo che tutti conosciamo. Racconti di errori, disillusioni e ostacoli da superare, con tutta la sincerità e la saggezza che un bisnonno si sente di dover trasmettere alla sua nipotina. Un libro elegante, veloce e prezioso che possa fungere per Matilda e per tutti noi come lanterna che illumini il futuro.

 

L’ultimo consiglio che mi sento di dare a tutti i giovani e lettori di Zai.net è quello di leggere, leggere sempre e tanto, che resta uno dei migliori modi per combattere l’ignoranza, la noia e rendere liberi!

Commenti