3 libri sulle stelle aspettando la notte di San Lorenzo
Tra fantasy, cinema e merendine, il racconto di un mondo che è stato e che potrebbe ancora essere
Serena Mosso | 5 August 2019

Il 10 agosto si avvicina. Avete già pensato a cosa chiedere alle stelle cadenti di realizzare per voi?

Nell’attesa abbiamo scovato tre romanzi propiziatori con cui ingraziarvi le stelle, da leggere durante le vostre vacanze.

 

Provate a pensare alle stelle non come ad astri ma come star dello spettacolo.

Provate a immaginare che cosa succederebbe se, in un mondo fantasy, qualche mago fuori di testa inventasse la celluloide e creasse il mondo del cinema.

È quel che succede in Stelle cadenti, uno dei capitoli più clamorosi della Saga del Mondo Disco ideata da Terry Pratchett. Si tratta dello stesso autore, insieme a Neil Gaiman, di Buona Apocalisse a tutti da cui è stata tratta la recente miniserie Good Omens in onda su Prime. In Stelle Cadenti scopriamo che gli alchimisti di Mondo Disco, dopo una serie di improbabili esplosioni, hanno dato vita alle “immagini in movimento” e che intorno a questa scoperta sta nascendo un nuovo impero produttivo e creativo: è Holy Wood, la sfavillante città dei sogni che ben presto attira presunti artistoidi col sogno della celebrità, ma anche oscure forze misteriose in attesa di impossessarsi della neonata celluloide. A tentare di salvare la situazione ci penseranno l’eterno studente Victor Tugelbend, aspirante attore incapace di fare praticamente qualsiasi altra cosa, la determinata Ginger, che proviene da un paesino sconosciuto ed è in cerca di riscatto, e Gaspode il Cane Prodigio, l’unico cane al mondo che sappia suonare l’armonica.

Il romanzo, pubblicato da TEA, riluce di tutte le solite ed esilaranti caratteristiche delle saghe di Pratchett: divertente come solo il genere fantastico-comico (creato proprio da Terry) riesce a essere, leggero ma con quelle due o tre perle di profondità sparse tra una scena esilarante e l’altra. Divertitevi a scoprire le citazioni cinematografiche nascoste nelle varie pagine – per esempio, di come a Mondo Disco hanno (quasi) girato Via col Vento.

Per chi ama il cinema, il fantasy e l’umorismo alla Monty Python.

 

Restiamo in tema di stelle-star, ma ci spostiamo in Italia.

Iacopo Barison è l’autore di Le stelle cadranno tutte insieme, romanzo pubblicato dalla Fandango Libri e che parla di sogni, ambizione e amicizia. Tre amici abbandonano la provincia con l’obiettivo di diventare famosi. Sono Aria, talentuosa attrice convinta di poter parlare con gli spiriti, Danny, che fa di tutto per vivere la propria vita come se fosse un film epico, e l’io narrante che sogna l'indipendenza attraverso la scrittura e di affermarsi come sceneggiatore. Finite le scuole i tre si trasferiscono insieme nella grande e frenetica città, ricca di occasioni, e si iscrivono all’accademia di cinema inseguendo il loro sogno. Tra UFO e sparizioni, ognuno insegue la propria idea di felicità e scopre l’amore, mettendo alla prova l’amicizia e la propria idea di sé.

Un romanzo in cui qualsiasi giovane può riconoscersi, anche se non coltiva il sogno del cinema. La scoperta di un mondo emotivo improvvisamente fuori controllo; l’ingresso nel mondo degli adulti, così diverso rispetto a come ce lo si era aspettato; gli affetti pensati come incrollabili, e che d’un tratto cambiano e si rendono irriconoscibili. L’incomunicabilità. L’amore e il sesso. I fantasmi. Il tempo. Barison ha saputo raccontare la generazione millenial in tutte le sue sfaccettature più tragicomiche.

Per chi cerca se stesso e simpatizza per Bojack Horseman.

 

Ma torniamo alla notte di San Lorenzo.

La parabola delle stelle cadenti inizia proprio all’alba del 10 agosto 1981, quando nascono i gemelli Francesco e Gloria. Il padre, Achille Vicentini, è il proprietario di una ditta dolciaria e per festeggiare la nascita dei figli inventa la Tortina San Lorenzo. Una merendina speciale, a forma di stella cadente, destinata ad accrescere la fortuna di famiglia negli anni a venire.

Ma dopo gli anni Ottanta arrivano i Novanta, lo splendore italiano dei consumi lascia il posto alla crisi politica che sempre più avvicina a quella economica degli anni Duemila. E l’Italia e la provincia che cambiano le vediamo proprio attraverso gli occhi della famiglia Vicentini: la remissiva mamma Nora, sempre all’ombra del marito ma che prima di tutti arriva alla vera essenza delle emozioni; la tragicomica zia Antigone, perennemente incollata alla televisione e impegnata a lamentarsi dei tempi che cambiano; Francesco e Gloria, che intanto crescono e prendono strade completamente diverse da quelle che il padre sembrava voler tratteggiare per loro. Lo stesso Achille, che da ex missino si ritrova invischiato in un’avventura politica destinata a portarlo in Senato e a svelargli qualcosa in più sul suo Paese e su di sé.

Questo è stato il romanzo d’esordio di Chiara Passilongo, pubblicato dalla Mondadori, ma potrebbe diventare uno dei romanzi più belli che leggerete quest’estate: vi affezionerete a Francesco e Gloria e ai loro turbolenti anni delle scuole superiori, le vicende dei dolci Vicentini vi faranno correre più volte in cucina a cercare un pacco di biscotti con cui accompagnare la lettura. E l’incontro che fa Achille in Parlamento, a pagina 238, strapperà forse qualche lacrima di commozione a chi saprà riconoscerlo.

Per chi è appassionato di storia, dolci e teatro irriverente.

Commenti
SEGUICI CON
pagina Facebook pagina Twitter