Covid, il nuovo cinema aquila a casa degli studenti
Parte la rassegna “ombra nera". Mimmo Calopresti: Diamo uno sguardo libero ai giovani
Giulia Costantino | 10 December 2020

Parte venerdì 11 dicembre 2020 la rassegna “Ombra nera”, il cinema d’autore su piattaforma streaming. Un modo per portare la vecchia matinée dagli studenti, costretti oggi alla didattica a distanza. I film - completamente gratuiti e accompagnati da introduzioni di registri, attori ed esperti - raggiungeranno alle 10.15 di mattina i ragazzi delle scuole, mentre in serata (dalle 19 alle 24) il pubblico generico. Basterà registrarsi. Tutto grazie al progetto “L’ombra nera dei margini – Periferie urbane e sociali nel cinema e nel linguaggio audiovisivo”, realizzato all’interno del Piano Cinema per la Scuola 2019 con il contributo del MIUR e del MIBACT. Le altre attività previste: un concorso video per studenti dai 14 ai 20 anni; un laboratorio a distanza su elementi di linguaggio filmico.

Il coordinamento è dell’Associazione “A Mano Disarmata” con la collaborazione del Nuovo Cinema Aquila di Roma, dell’Associazione Nazionale Filmaker e di Mandragola editrice.  «Spero che il progetto aiuti i giovani a sviluppare curiosità per un cinema che non vedono usualmente», spiega il regista Mimmo Calopresti, direttore artistico del Cimena romano. E aggiunge: «Da professionista, mi auguro di fornire loro uno sguardo libero e indipendente che porteranno anche nella vita. Mettere la mia esperienza al servizio di chi fruisce il cinema per me è da sempre stimolante».

Più di mille i ragazzi coinvolti al momento sul territorio nazionale. La piattaforma di registrazione è FestHomeTV (informazioni su www.ommbranera.it). In programma: Accattone di Pier Paolo Pasolini; Non essere cattivo, di Claudio Caligaris; Favolacce, dei fratelli D’Innocenzo; Cidade de Deus, di Fernando Meirelles e Kátia Lund e Diario di Carmela, dell’emergente Vincenzo Caiazzo. Una scelta che intende far riflettere gli studenti sui pericoli di una realtà moderna che può indurre all’isolamento.

"Vogliamo raccontare ai giovani la trasformazione urbanistica e socio-culturale delle periferie dal dopoguerra ad oggi", dice Manuele Jorio, psicologo, responsabile dei progetti didattici dell'Associazione A Mano Disarmata. «Il Covid ci ha costretti a soluzioni originali, non è stato sempre facile. Per rendere la proiezione a distanza condivisa, abbiamo costruito continui spazi di confronto online».

Un contest per capire i luoghi che viviamo 

Imparare a fare per imparare a conoscere. E’ il principio ispiratore del Contest Video Ombra nera dai margini rivolto a tutti gli studenti di età compresa tra i 14 e i 20 anni.
Un bando per mettersi alla prova: I ragazzi sono chiamati a preparare un cortometraggio della durata massima di 15 minuti. Devono raccontare la periferia della loro città, come la vedono loro o i loro amici o coetanei, con tutte le paure o le gioie o le cose da cambiare che essa rappresenta. Il genere è a scelta. 
Il concorso è una delle attività del progetto “L’ombra nera dei margini – Periferie urbane e sociali nel cinema e nel linguaggio audiovisivo”, realizzato all’interno del bando Cinema per la scuola 2019 con il contributo del MIUR e del MIBACT. «Lo riteniamo n modo per scongiurare quel rischio di spaesamento e di isolamento che la periferia può portare negli animi dei più giovani», spiega Manuele Jorio, psicologo nel consiglio direttivo dell’associazione A Mano disarmata, promotrice dell’iniziativa.
La relazione tra cinema e periferia assume nel progetto un significato nuovo: diventa lo strumento per combattere le difficoltà di una realtà moderna che tende a non permetterci di conoscere luoghi e persone che pur frequentiamo. Usa una metafora il responsabile della programmazione del Nuovo Cinema Aquila, Domenico Vitucci, partner di iniziativa: «Molti ragazzi si rifanno a tradizioni filmiche e musicali tipiche dei ghetti statunitensi. Spero che scoprano invece, in un paese così diverso dagli Stati Uniti, forme creative affini a quelle che esponenti della cultura hip-hop paragonano alla dopamina. Come a dire: Non hai bisogno di ‘doparti’ per esprimerti ed essere libero. Crea, sii esplosivo e scoprirai la realtà che ti soffoca in tutte le sue sfumature».
Per essere il più inclusivo possibile, il progetto mette a disposizione strumenti anche per chi voglia cimentarsi ma teme di non saperlo fare: tutorial ad hoc sono accessibili gratuitamente sul sito www.ombranera.it. «Non bisogna avere paura di esprimersi, e il nostro scopo è che tutti possano farlo al loro meglio», dice il videomaker e docente Enrico Farro, Presidente dell’Associazione Nazionale Filmaker. Inoltre attraverso convenzioni mirate le scuole potranno far accedere i loro studenti a laboratori a distanza sulle tecniche di ripresa e montaggio.

Programma rassegna “Ombra nera” – Film e Orari

1.Accattone, regia di Pier Paolo Pasolini

2.Diario di Carmela, regia di Vincenzo Caiazzo

3.Cidade de Deus, regia di Fernando Meirelles

4.Non essere cattivo, regia di Claudio Caligaris

5.Favolacce, regia di Damiano e Fabio D’Innocenzo

PROIEZIONE PER GLI STUDENTI

Ore 10.15 Incontro on line in diretta con esperti, critici cinematografici, attori per inquadrare storicamente e criticamente autore ed opera.

Ore 11.00 Proiezioni film per gli studenti delle scuole

PROIEZIONE GRATUITA APERTA AL PUBBLICO

Dalle 19.00 alle 24.00 Film disponibile per visione sul sito FestHomeTV

 

 

 

 

Commenti
SEGUICI CON
pagina Facebook pagina Twitter profilo Instagram