Sport
Moto da cross: l'evoluzione nel corso degli anni
Le moto da cross sono cambiate notevolmente negli ultimi decenni, e la diffusione dell'elettrico potrebbe farle cambiare ancora
Simone Quidacciolu | 31 May 2021

Il motocross è una disciplina motoristica nata negli anni ’30, soprattutto in America. Le moto utilizzate per questa disciplina sono cambiate notevolmente nel corso degli anni.

Due tipi di cilindrate

Le moto da cross si distinguono in due cilindrate:

  • Le moto da cross 4 tempi: utilizzano il carburante a benzina, usate fino a gli anni ‘60
  • Le moto da cross 2 tempi: utilizzano il carburante a miscela (aggiunta di olio), pertanto hanno motori più leggeri e veloci, dominarono le competizioni tra gli anni ’70 e ’90.

Durante gli anni ’80 si ebbe un'altra evoluzione tecnologica. Infatti, sulle moto da cross cominciarono a comparire il raffreddamento a liquido, i freni a disco, il mono-ammortizzatore e le valvole di scarico. Verso la fine degli anni ’90 si tornò a preferire i 4 tempi ai 2 tempi, che sebbene più potenti e leggere, erano molto più inquinanti, bruciando olio insieme alla benzina.

Le moto del futuro

La diffusione dell'elettrico si sta espandendo in tutti i settori. Anche nel settore motociclistico le moto elettriche stanno prendendo sempre più piede. Quali sono i pro e i contro?

I pro

  • Contenimento dei costi: effettuare una ricarica completa su queste moto avrà un costo non superiore agli 1,80 euro, con la quale si riescono a percorrere all'incirca 180/200 km. Con un motore a combustione interna per riuscire percorrere gli stessi chilometri, si avrà un costo 10 volte superiore.
  • Ridotta manutenzione: le batterie possono percorrere 200.000 chilometri. Inoltre non si effettua nessun tagliando, come il cambio dell'olio.
  • Facilità di guida: l'assenza delle marce, potrebbe avvicinare diverse persone che sono meno pratiche nell'inserire le marce. Infatti queste moto elettriche sono facili da guidare quasi come uno scooter.

I contro

  • Prezzo: le moto elettriche non hanno ancora un buon mercato, e il loro prezzo è superiore ad una moto con combustione interna.
  • Autonomia: è una pecca del mondo elettrico, infatti con una moto elettrica non si possono percorrere più di un centinaio di chilometri con una sola ricarica, perciò ne riduce l’utilizzo per affrontare lunghi viaggi.
  • Tempi di ricarica: per ricaricare completamente una batteria bisogna aspettare dalle 2 alle 8 ore.
  • Peso: le batterie sono molto pesanti e questo influenza la maneggevolezza sulla strada.

 

Foto | Mark su Wikimedia Commons. Licenza CC BY 2.0

Commenti
SEGUICI CON
pagina Facebook pagina Twitter profilo Instagram