Musica
Tedua, tra i gironi danteschi del suo ultimo disco
Con la sua ultima uscita, Don't Panic, è ora definito da tutti il nuovo Dante
Matteo Bucci | 10 May 2021

Mario Molinaro, conosciuto con lo pseudonimo di Tedua, è un rapper che si è confermato essere uno dei big della scena italiana grazie alla sua metrica fuori dal comune e a ciò che racconta nei suoi testi.

Le origini

Nasce a Genova nel 1994 ma già all’età di tre anni è costretto a cambiare città. Dopo essersi traferito a Milano è andato in adozione a diverse famiglie e poi in casa d’affido per via del suo comportamento irrefrenabile e ribelle. Successivamente non troverà mai pace e un tetto sicuro dove rimanere, come spiega chiaramente nel suo ultimo Mixtape, e ancora adesso continua ad essere tormentato tutte le notti dai mostri del suo passato e da quegli anni difficili. Tutto ciò contribuisce alla formazione del suo carattere forte e spesso irrequieto che lo ha portato a subire maltrattamenti da parte di ragazzi più grandi delle molte città in cui ha vissuto. Intorno ai sedici anni, si avvicina al fumo e alla droga che lo aiutano a superare i momenti difficili e le grandi delusioni soprattutto in amore, di cui ce ne parla attraverso la figura di una donna, della quale non svela mai l'identità, ma che per lui è fonte di gioia e quasi salvezza quando sono insieme. Descrive questo rapporto attraverso paragoni anche di difficile interpretazione, come un poeta. E come tale soffre e odia, poiché confuso e tormentato dai suoi intriganti pensieri (Tedua, Purple, Vita Vera mixtape).

L'ascesa dalla Wild Bandana a Vita Vera Mixtape

All’età di tredici anni insieme a sua madre si trasferisce in diverse città liguri nei pressi della sua Genova: tra le più importanti abbiamo Cogoleto, piccolo paese dove conosce i futuri membri della sua futura crew Wild Bandana, come IZI, Vaz , Ill Rave, Bresh, ragazzi con situazioni alle spalle simili alla sua. In seguito col passare degli anni torna a Milano, in zona Calvairate (Milano Est) dove tutt’ora vive. Si avvicina all’arte del rap già all’età di 11 anni con battaglie freestyle insieme agli amici, e subito si distingue per la padronanza di parole complesse e incastri di rime non banali per un giovane talento come quello; nel corso della sua adolescenza il rap diventa una fonte di sfogo e liberazione e Tedua sente la necessità di dover di proseguire per questa strada, che con così poco lo stava letteralmente salvando e gli stava dando tanto. Da lì in poi, anche prendendo ispirazione da artisti come i Club Dogo, comincia a scrivere i primi testi e prodursi le basi all’interno di piccoli studi situati nei garage delle case dei suoi amici che lo seguono in questa avventura. Questa sua ambizione e voglia di fare lo portano a conoscere artisti come Sfera Ebbasta e Ghali e da quello che lui ha definito fratello di sangue, il producer Chris Nolan, tutt’ora collaboratore dell’artista e produttore principale dei suoi ultimi due album Mowgli e Vita Vera mixtape. Il percorso e i temi principali che Tedua tratta all’interno dei suoi testi non si potrebbero riassumere in un solo articolo; dice infatti che la strada e le sue leggi lo hanno cresciuto più delle tante famiglie che ha avuto, lo hanno reso da cucciolo d’uomo (Mowgli) a uomo forte e deciso. Il percorso di formazione di Mario è raccontato nei suoi tre album, che aiutano anche ad inquadrare il personaggio e a cogliere le lezioni che vuole dare, soprattutto ai più giovani, sulla base delle sue esperienze personali, sul come non bisogna mai accontentarsi. Ci insegna che il concetto chiave è: ‘‘Non lamentarsi del proprio tozzo di pane, lo vuoi più grande? Dai corri prendilo e rendilo reale’’( Tedua, Clone, Vita Vera mixtape). Vivere la vita ringraziando per quello che abbiamo, non dubitare mai di se stessi e soprattutto mettere in risalto le proprie potenzialità non pensando mai che non ce ne siano, questi sono i suoi messaggi.

Il nuovo Dante

Negli ultimi due anni l’artista genovese ha portato a termine due progetti che parlano esplicitamente della sua vita passata, Vita Vera mixtape e l’ultimissimo EP Don’t Panic, uscito pochi giorni fa. In quest’ultimo è molto interessante il paragone che fa tra il viaggio di Dante dall’inferno verso il paradiso alla ricerca di Beatrice, e il cammino di Mario, dall’oscura via della sua adolescenza in cui si sente perso fino al suo paradiso, ossia la ricerca della retta via, la felicità e l’amore che non ha mai ricevuto da bambino. Per questo motivo l’artista è ora definito da tutti il nuovo Dante, il primo che sullo spunto della Divina Commedia è riuscito ad impostare il viaggio di un giovane ragazzo genovese partito dalle popolari fino al top delle classifiche FIMI, nonostante tutte le avversità (i suoi gironi).

Commenti
SEGUICI CON
pagina Facebook pagina Twitter profilo Instagram